Il Simbolismo Comunicazionale di Della Corte al Maschio Angioino

da: IL MATTINO 
di Rossella Grasso

Guardare un’opera d’arte può essere una terapia per lo spirito. È questo ciò che spinge Massimiliano Della Corte, pittore napoletano, a creare quadri dall’impatto visivo forte che attraverso simboli geometrici e colori accesi possano stimolare le emozioni. La sua opera è ispirata al «Simbolismo Comunicazionale», la corrente artistica napoletana che dà il titolo alla sua mostra personale al Castel Nuovo – Maschio Angioino nella sala Degli Angeli dal 22 aprile all’ 8 maggio.

Della Corte esprime  sulla tela le sue sensazioni e aspetta che chi la guarda dica cosa ci vede: «Guardando un’opera ognuno vede cose diverse, a seconda del proprio vissuto o del suo stato d’animo di quel momento”, spiega il pittore. Il Simbolismo Comunicazionale pone al centro dell’attenzione l’uomo e i suoi sentimenti. Non a caso prende spunto dalle pubblicazioni dello psicologo Stefano Benemeglio. Infatti, le pennellate sulla tela sono per l’artista parole e le forme geometriche i verbi: insieme si muovono in una sintonia perfetta, le linee si modellano e i colori si stratificano e si trasformano in mille sfumature. C’è nelle sue opere, una costante analisi del mondo che lo circonda: è come se Della Corte avesse psicoanalizzato a sua volta tutto ciò che lo circonda. Ne viene fuori un mondo di sofferenze, da ricostruire e ripulire, ma anche un segno di speranza espresso dalla vivacità dei colori che raggiungono il loro picco massimo nel sole splendente.

LINK VIDEO 

Nelle opere di Della Corte non ci sono solo intrecci geometrici e perfetti ma anche le imperfezioni della natura. Nei suoi quadri è rappresentata sofferente, schiacciata dalla forza dell’uomo e non manca un accenno al dramma della Terra dei Fuochi che solo sensibilizzando la collettività si può superare. Ed è questo lo scopo delle creazioni di Massimiliano Della Corte.